Città Azzurra - Villa Eèa

Villa Eèa

Nel mese di gennaio 2022 la Cooperativa Città Azzurra in partnership con INFES ha aperto in convenzione con l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige Villa Eèa, il primo centro diurno e annessa comunità protetta per pazienti che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (DCA) in via Carducci 19 in pieno centro a Bolzano.

Perché è nata Villa Eèa?

La struttura nasce dall’esigenza di dotare il territorio della città di Bolzano di un Centro Diurno e di una Comunità Protetta (intervento di II livello) dedicate a persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, in maniera tale da completare il quadro dell’attuale offerta terapeutica, rappresentato al momento da interventi di I livello (ambulatoriale) e di III livello (ricovero ospedaliero e/o in struttura residenziale dedicata).
Le caratteristiche dei Disturbi Alimentari li rendono passibili di trattamenti multipli e diversificati, la cui maggiore difficoltà è costituita soprattutto dalla necessità di istituire sinergie e integrazioni reciproche tra i diversi livelli assistenziali.

Al fine di predisporre per ogni singolo paziente il percorso di cura più̀ appropriato, è opportuno predisporre percorsi che prevedano il passaggio da un livello di assistenza all’altro, che siano il più possibile condivisi, per ridurre al minimo il rischio di rallentamento o interruzione delle cure che tende a verificarsi proprio nelle fasi di transizione tra differenti contesti di cura.

Perché è nata Villa Eèa?

La struttura nasce dall’esigenza di dotare il territorio della città di Bolzano di un Centro Diurno e di una Comunità Protetta (intervento di II livello) dedicate a persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, in maniera tale da completare il quadro dell’attuale offerta terapeutica, rappresentato al momento da interventi di I livello (ambulatoriale) e di III livello (ricovero ospedaliero e/o in struttura residenziale dedicata).

Le caratteristiche dei Disturbi Alimentari li rendono passibili di trattamenti multipli e diversificati, la cui maggiore difficoltà è costituita soprattutto dalla necessità di istituire sinergie e integrazioni reciproche tra i diversi livelli assistenziali.

Al fine di predisporre per ogni singolo paziente il percorso di cura più̀ appropriato, è opportuno predisporre percorsi che prevedano il passaggio da un livello di assistenza all’altro, che siano il più possibile condivisi, per ridurre al minimo il rischio di rallentamento o interruzione delle cure che tende a verificarsi proprio nelle fasi di transizione tra differenti contesti di cura.

A chi si rivolge?

Il centro diurno è concepito per accogliere 12 pazienti dai 12 anni in su con un BMI a partire dal III percentile mentre la comunità protetta  può ospitare fino a 8 pazienti dai 14 anni in su con un BMI pari o superiore al III percentile.

Gli inserimenti così come i percorsi terapeutici individualizzati sono totalmente a carico del sistema sanitario.

Che significa Eèa?

Il nome della struttura è ispirato alla narrazione mitologica dell’Odissea di Omero in cui Eèa, l’isola dimora della maga Circe rappresenta l’ideale che non c’è, il chimerico e quanto mai utopico viaggio verso la felicità, la perfezione.

Anche le persone che soffrono di disturbi alimentari mirano spesso a perseguire o raggiungere proprio l’isola che non c’è…

Il loro percorso terapeutico presso la nostra struttura è mirato a ricondurli nella ricerca di obiettivi concreti e raggiungibili, nella nuova attribuzione di significati e nella crescita individuale verso l’unicità e la non conformità verso gli status symbol.

Il Centro di ca. 550 mq. Si sviluppa su tre piani e la comunità offre 8 posti letto; essa è composta da 4 appartamenti con 2 posti letto ciascuno, soggiorno cucina e bagno, completamente arredati. La casa dispone di una sala da pranzo, una grande sala multifunzionale dedicato alle attività comuni una cucina e vari studi e ambulatori per la psicoterapia individuale. Uno spazio adibito a dispensa, due locali lavanderia e un grade parco-giardino dove tra l’altro si producono ortaggi. Una parte è dedicata agli uffici direzionali di Città Azzurra.

Cosa proponiamo e come lavoriamo?

Presso il centro diurno i pazienti svolgono diverse attività, dall’assistenza alla preparazione dei pasti, alle attività scolastiche ed extra scolastiche, attività creative, gruppi di rilassamento, passeggiate, arte, musico, teatro, orto e yoga.

A Villa Eèa è presente un’equipe multidisciplinare composta sia da personale sanitario direttamente inviato dall’Azienda Sanitaria e sia da personale assunto direttamente dalla cooperativa Città Azzurra. Uno staff completo, composto da medici psichiatri e neuropsichiatri, dietologi, psicoterapeuti, infermieri, tecnici della riabilitazione psichiatrica, dietisti e assistenti sociali per far fronte alle esigenze dell’utenza e che mira soprattutto a rispondere ai fabbisogni terapeutico-assistenziali individuali.

Gli Infermieri e tecnici della riabilitazione psichiatrica oltre ai dietisti, in forza a Città Azzurra sono tutti molto giovani; è stata una scelta voluta, visto anche la giovane età del target di riferimento. Il clima è veramente molto piacevole e gioviale, in pieno fermento per la messa a punto di un modello quanto mai individualizzato e aperto.
Il servizio è interamente a carico del Sistema Sanitario Nazionale.

EVENTI

SCRIVICI, SIAMO A DISPOSIZIONE

SCRIVICI,
SIAMO A DISPOSIZIONE

Azienda Sanitaria dell'Alto Adige